Catania è una città dinamica
ricca di cultura e di una gustosa tradizione culinaria

Ai piedi dell'Etna, Catania deve il suo fascino alla moltitudine di civiltà che si sono susseguite/succedute. Greci, normanni, svevi, angioini, romani, bizantini, arabi, aragonesi e spagnoli hanno lasciato traccia del loro passaggio attraverso monumenti e tradizioni che rendono Catania una città dalle mille intriganti sfaccettature.

L'essere stata crocevia di culture, ha reso Catania ricca di un'interessante tradizione gastronomica. La cucina catanese predilige piatti dalla materia prima semplice, frutto della terra e del mare, arricchite da preparazioni e metodi che sono un omaggio alle molteplici culture che sono passate in questo territorio.

Affacciata sul prolifico mar Ionio, il pesce è diventato uno degli elementi fondamentali dei piatti di questa tradizione gastronomica, ricca anche di ricette a base di carne, come il falsomagro o, ancora, le salsicce di maiale arrostite e la carne equina. Tra i piatti tipici spiccano i primi come la pasta alla Norma, la pasta al nero di seppia e la pasta con i “mascolini”, ovvero le alici.

Il vero fiore all'occhiello della tradizione gastronomica catanese è rappresentato dai dolci. Per varietà, originalitè e sapori Catania rappresenta una delle città siciliane con la tradizione dolciaria tra le più interessanti della Sicilia. Rinomate in tutto il mondo le paste di mandorla, il marzapone, il torrone ma anche i dolci a base di ricotta come cannoli, panzerotti e, ancora, le granite e il gelato artigianale. Negli ultimi anni il vino, in particolare quello Doc dell'Etna sta diventando un vero punto di riferimento per gli amanti del buon bere.

La Cattedrale di Sant'Agata è dedicata alla vergine e martire Sant'Agata, patrona di Catania. Sorge sulle rovine delle terme romane di Achille e nel luogo del martirio della santa di cui sono custodite le spoglie all'interno della cattedrale. Posizionata nel cuore del centro storico della città, sorge nella piazza Duomo, una dei più importanti esempi di Barocco della città. All'interno del Duomo è presente la tomba del compositore Vincenzo Bellini, una delle personalità più prestigiose di Catania e tra gli operisti più celebri dell'Ottocento.

I due mercati storici di Catania sono A Piscaria, il mercato del pesce che si trova in Piazza Pietro Alonzo e con il suo basolato lavico è un tripudio dei doni del mare ed esiste da inzio Ottocento. A Fera o Luni, ovvero la fiera del lunedì, deve il suo nome all'antica apertura soltanto nel primo giorno della settimana, diversamente da adesso che rimane aperto tutta la settimana. Questo mercato comincia in Piazza Carlo Alberto ed è ricco di diversi prodotti, non solo alimentari. Due mercati nei quali potrete immergervi tra i sapori, i profumi, i colori e le voci dei mercanti e dei loro prodotti e dove potrete conoscere la Catania più autentica.